Leptothorax Laurae, Emery, C., 1884

Emery, C., 1884, Materiali per lo studio della fauna Tunisina raccolti da G. e L. Doria. III. Rassegna delle formiche della Tunisia., Annali del Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria (Genova) 21, pp. 373-386: 380

publication ID

3743

publication LSID

lsid:zoobank.org:pub:417B7358-91D8-4980-BB7F-7350439564FA

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/1FE17BCB-2C2F-D647-005B-977240B22FF1

treatment provided by

Donat

scientific name

Leptothorax Laurae
status

n. sp.

L. Laurae  HNS  n. sp.

Omnino pallide lutea, mandibularum extremo apice oculisque magnis nigris, capile longitudinaliter rugosulo, antennarum flagelli articulo 1.° longitudine trium sequenlium, 2.° seguente fere dimidio longiore, 3.° -8.° transver sis, thorace post mesonotum distincte impresso , metanoto spinis mediocribus divergentibus, nodo petioli 1.° supra angulato, 2.° praecedente panilo latiore, superne viso subtrapezoideo , angulis anticis proeminentibus. - L. 2-2 1/2 mm.

♀. Insertionibus alarum nigris, L. 3 1/2 mm - ; alae desunt.

Specie molto ben distinta, pel colore tutto giallo pallido, fuorché gli occhi ; per la grandezza straordinaria di questi, i quali occupano quasi tutto il terzo medio della lunghezza del capo, e per la struttura delle antenne che hanno il 2.° articolo del flagello quasi per metà più lungo del seguente. Anche la forma del 2.° nodo del picciuolo', che, veduto di sopra, pare trapezoideo, con la massima larghezza in avanti e gli angoli anteriori sporgenti , è piuttosto caratteristica.

Alcuni esemplari dei dintorni di Tunisi (G. e L. Doria). - Ho voluto dedicare questa nuova specie alla Signora Marchesa Laura Doria alle cui gentili mani è dovuta in parte la raccolta di formiche qui studiata.